Bayern: Tuchel in bilico dopo la sconfitta con la Lazio

Bayern: Tuchel in bilico dopo la sconfitta con la Lazio
Tuchel

Un’altra batosta: il Bayern Monaco inciampa ancora. La squadra di Thomas Tuchel, già alle corde dopo il severo 0-3 subito dal Bayer Leverkusen, vede aumentare la pressione con una sconfitta che brucia, e non poco. A Roma, l’Olimpico diventa teatro di un nuovo capitolo amaro per i bavaresi, che soccombono 1-0 sotto i colpi di una Lazio grintosa, guidata dal rigore trasformato da Ciro Immobile.

Per la prima volta dopo 11 stagioni, il gigante di Monaco è caduto all’andata degli ottavi di Champions League, un dato che non mancherà di suscitare interrogativi e malumori. E la sconfitta porta la firma di Tuchel, alla sua decima in 43 partite – un numero che risuona con eco preoccupante, considerando le performance passate sulla panchina del Bayern.

Il dettaglio più agghiacciante? I campioni uscenti non hanno centrato lo specchio della porta nemmeno una volta durante tutto il match. Un dato che non lascia spazio a interpretazioni: è crisi nera. Tuchel si ritrova a navigare in acque turbolente, con l’incubo dell’esonero che si fa sempre più consistente.

Passiamo agli obiettivi, quei traguardi che sembravano alla portata ma che ora sfumano, uno dopo l’altro, come miraggi nel deserto. Il Bayern, reduce da una vittoria al fotofinish in Bundesliga ai danni del Borussia Dortmund, ha collezionato delusioni: sconfitta in Supercoppa contro il Lipsia, eliminazione dalla Coppa di Germania per mano del Saarbrucken, una formazione di terza divisione, e il recente passo falso in Champions contro la Lazio. La “coppa dalle grandi orecchie” resta l’unico salvagente per Tuchel, ma l’atteggiamento mostrato dalla squadra non promette nulla di buono: apatia, nervosismo e assenza di reazione sono i sintomi di un malessere profondo. Potrà la squadra invertire la rotta nel ritorno all’Allianz Arena?

La stampa tedesca, con “Bild” in testa, non lesina allarmi e proclami: è “allarme rosso” per Tuchel, sempre più vicino al baratro. Si parla di possibili mosse della dirigenza bavarese, di scosse imminenti. E i nomi per la successione si fanno strada: José Mourinho, già alla ricerca di una nuova sfida dopo il suo addio alla Roma, e Hansi Flick, legato ancora al Bayern, sono i papabili. Una terza opzione? Un traghettatore interno, che guidi la nave in tempesta fino al termine di una stagione da dimenticare.

Il malcontento si respira anche tra i tifosi, ormai chiaramente schierati. Secondo i dati di un sondaggio di “Sport Bild”, una schiacciante maggioranza dell’83% ha perso la fiducia in Tuchel, lasciando a un esiguo 17% il sostegno al tecnico. La sensazione è palpabile: in casa Bayern si vivono momenti di alta tensione. Tuchel si trova di fronte a un bivio cruciale: sarà la conferma o l’addio anticipato? La dirigenza è chiamata a riflettere, mentre il tempo scorre inesorabile.