Napoli non si arrende: nuova offerta a Antonio Conte da parte di De Laurentiis

Napoli non si arrende: nuova offerta a Antonio Conte da parte di De Laurentiis
Conte (Instagram antonioconte)

Il Napoli, fresco detentore dello scudetto, si trova a un bivio critico in questa stagione. Già a gennaio, la squadra partenopea si confronta con il rischio di vedere compromesso il proprio percorso nella stagione successiva. La ricerca di una svolta diventa impellente, e gli sforzi si concentrano su due fronti: ottimizzare il presente e gettare solide fondamenta per il futuro immediato.

Da una parte, Aurelio De Laurentiis, presidente del club, ha optato per una soluzione che contempla l’idea del ritiro. Questa strategia potrebbe trasformarsi in un periodo di riflessione prolungato, considerando che, dopo l’impegno contro la Salernitana, la squadra si trasferirà in Arabia Saudita per disputare la Supercoppa Italiana. Contemporaneamente, il mercato di gennaio viene scrutato per possibili rinforzi che possano elevare il livello della rosa attuale.

Tuttavia, la mossa che De Laurentiis ritiene cruciale riguarda la panchina, con un obiettivo chiaro e ambizioso: portare subito alla guida del Napoli una figura di spicco come Antonio Conte. Secondo quanto raccontato dal quotidiano Il Mattino, nelle ultime il Napoli ha fatto un tentativo che possiamo definire “estremo” per convincere il tecnico salentino a sottoscrivere un contratto immediato.

Dopo la sconfitta di Torino, De Laurentiis ha intensificato gli sforzi per convincere l’ex selezionatore nazionale, proponendogli condizioni decisamente allettanti.

De Laurentiis tenta seriamente di convincere Conte

Si parla di un contratto triennale con uno stipendio annuo di 8 milioni di euro, pieni poteri sul mercato (inclusa la finestra invernale attuale) e libertà nella scelta del nuovo direttore sportivo, figura individuata nel possibile Gianluca Petrachi. In aggiunta, De Laurentiis è pronto a garantire a Conte la presenza del suo storico collaboratore, Gabriele Oriali.

Il presidente ha persino mostrato la disponibilità a inserire un dettaglio contrattuale non da poco: qualora il rapporto tra Conte e il Napoli non dovesse decollare entro giugno, non sarebbero previste penali per un eventuale addio dopo soli sei mesi.

Nonostante l’offerta generosa, Conte ha già delineato i suoi termini: tornerà ad allenare in Serie A, ma solo al termine della stagione in corso, escludendo categoricamente l’opzione di subentrare a stagione in corso. Di conseguenza, salvo ulteriori colpi di scena, il timone del Napoli resterà nelle mani di Walter Mazzarri, che gode dell’apprezzamento di De Laurentiis per aver accettato un incarico di sei mesi. È improbabile, quindi, che il presidente decida di affidarsi a un’altra guida transitoria, nonostante fossero circolati altri nomi, tra cui quello di Fabio Cannavaro.

In questo scenario, il Napoli si muove su un terreno incerto, tra la necessità di risollevarsi immediatamente e il desiderio di costruire un futuro radioso, sempre sotto l’attenta regia di De Laurentiis.